You are here: Home » Elimination Communication » Senza Pannolino (EC) Una cosa … da pazzi? – Francesca e Nicolò ci raccontano la loro avventura!

Senza Pannolino (EC) Una cosa … da pazzi? – Francesca e Nicolò ci raccontano la loro avventura!

elimination-communicationAvevo letto qualche articolo sull’argomento, soprattutto in gravidanza, e mi era sembrata una cosa..da pazzi! Vita senza pannolino??? Impossibile!!

Peró ricordo che l’idea di provarci mi aveva stuzzicato. Poi la nascita, allattamento, nuovi equilibri a tre mi hanno fatto dimenticare per un pó l’esistenza di questa pratica, finchè non ho letto un articolo a riguardo e mi é scattata la scintilla.

Nicoló aveva 7 mesi e mezzo, era inizio marzo e mi sono detta: “E’ già tardi per cominciare!” Usavamo solo pannolini lavabili e sentivo che questo mi avrebbe aiutato, ma come fare? Ho iniziato in casa, tenendolo solo con il ciripà intorno e appena si bagnava, via a cambiarci! Lui ha capito che stava cambiando qualcosa e la prima volta che l’ho posizionato sul vasino ha fatto pipí, come se sapesse da sempre a cosa servisse. Il papà era incredulo ma mi lasciava sperimentare. La prima settimana ho lavato pannolini a non finire, ma poi piano piano ho iniziato a capire, era come una vocina che mi diceva ‘pipí!’ Non sempre, solo se ero particolarmente attenta.

Lo sforzo mentale è stato tanto, all’inizio, ma dopo già due settimane circa, oltre alla vocina sentivo anche una sensazione di bagnato addosso, come se mi avesse fatto pipí in braccio ma in realtà eravamo tutti asciutti ed era un segnale! E via di corsa sul wc! Eh si, perché mio figlio, giusto per non rendermi le cose facili, non ha mai fatto nessun versetto, nessuna smorfia, nulla di nulla. “Soltanto” la mia intuizione e poi uno sguardo assorto mentre la stava già facendo. Magari prima i segnali c’erano e noi non siamo stati capaci di coglierli, ma questo è un altro discorso.

Ho iniziato a fidarmi delle mie sensazioni e come per magia il mio bimbo restava sempre più asciutto. Avevo letto che in fascia difficilmente fanno pipí ed ho sperimentato pure quello: in effetti riusciva a tenerla per molto più tempo. Poi ha iniziato ad intivarci anche il papà, sempre meno incredulo e sempre piú convinto. Ho preso coraggio ed ho iniziato anche ad uscire, per brevi tragitti,poi un pò più lunghi, senza pannolino. E, cosa meravigliosa, dopo un mesetto il pannolino della notte rimaneva asciutto quasi sempre!  La notte ci ho provato in vari modi a fargli fare pipí, ma lui si innervosiva troppo e dopo qualche giorno ho lasciato perdere mettendogli comunque un pannolino per sicurezza, ma rimaneva quasi sempre asciutto. Con la pupù è stato facile da subito: dalla prima volta, raramente è finita nelle mutandine…una sintonia perfetta!

Il mio dispiacere piú grande è stato quello di non poter condividere con altre mamme il nostro percorso. Anche con le amiche, appena provavo ad intavolare il discorso, mi guardavano come fossi una pazza. Cosí ho smesso di parlarne. Quanto sarebbe stato bello per loro se solo avessero provato.
Verso fine estate ha iniziato a camminare, dopo un paio di mesi l’inserimento al nido ed é stata regressione totale. Ricominciati anche i pannolini zuppi la notte e pipí ovunque. Ammetto che non mi sono preoccupata troppo e siamo andati avanti serenamente un po con le pipi certe dopo i risvegli, qualche volta durante la giornata e la pupù, il resto con il pannolino lavabile. È vero, il pannolino è come mettere una barriera nella comunicazione, ma con il freddo non me la sentivo di lavare pantaloni su pantaloni e mi sono limitata a cercare di cambiarlo comunque sempre se scappava una pipí. All’asilo non ho ricevuto molto sostegno, nonostante le maestre fossero molto brave, sotto questo aspetto sono state da manuale, non c’è stato verso di far usare il vasino almeno per la pupú, credo non abbiano compreso a fondo quello che stavamo facendo e la considerassero una mia forzatura all’uso del vasino.
A fine marzo, la svolta. Nicolò ha iniziato a dirmi, per gioco, ne sono sicura,  quando gli scappava pipi, e allora ho ripreso coraggio e mi sono buttata. Via il pannolino per sempre! Dopo una settimana di comunicazioni a voce, di nuovo il nulla totale, non mi diceva più niente. Ma con mio grandissimo stupore, io LO SENTIVO ancora! Nonostante fosse passato un inverno di uso promiscuo di pannolini e vasino, sapevo esattamente quando gli scappava! C’è stato qualche incidente di percorso durante le prime settimane, ma non ci siamo persi d’animo e abbiamo proseguito la nostra vita senza pannolino. Nicoló aveva 20 mesi..e tutti quelli che lo vedevano senza pannolino, dicevano stupiti “già senza pannolino?!?!!? Che bravo!!” Si certo….bravo lui, ma bravi anche noi! Che dite?? Ormai sono passati 5 mesi e Nicoló non ha piú messo un pannolino, da qualche tempo anche la notte.

Ha una consapevolezza del proprio corpo eccezionale e raramente, e solo per motivi ben precisi, abbiamo avuto incidenti di percorso. A volte capita che scappi qualche goccino se è troppo tempo che non fa pipí ed è troppo preso a giocare, ma non so come faccia, riesce a bloccarsi e finisce sempre sul vasino. Attendo la ripresa del nido ed il freddo per verificare i nostri successi, ma non credo ci saranno particolari problemi. In fondo é stato tutto cosí naturale che non ce ne siamo nemmeno accorti, di aver spannolinato nostro figlio.
Ed una cosa la posso dire, con certezza: “Quando inizi, non torni più indietro. Semplicemente non puoi. E ti penti di non aver iniziato prima.”

 

Articolo riproducibile citando la fonte con link al testo originale pubblicato su Italia che Cambia

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>